Categorized | Attualità

La proposta per sostenere giovani e donne.

Comunicato stampa

 

Le tematiche che ci riguardano necessitano di un nostro rinnovato protagonismo.

C’è l’urgenza di intervenire in modo mirato ed organico”.

La proposta per sostenere giovani e donne.

 

Il Referente del Movimento Nazionale Giovani UCID, Pierluigi Germani e la Referente Nazionale Giovani Donne UCID, Simona Mulè, in una lettera aperta al Prof. Mario Draghi, in merito alla consultazioni per il prossimo Governo con l’auspicio di offrire un fattivo contributo al rilancio del Paese, hanno proposto l’istituzione di un Ministero ad hoc “sulle politiche giovanili e pari opportunità” in grado di declinarne tutte le strategie, “perché investire in modo concreto su tali categorie rappresenta la garanzia di efficacia e di efficienza dell’intero sistema economico-sociale, cosi come dimostrano gli studi sulle ricadute positive sul Pil rispetto all’aumento della nostra occupazione “dichiarano.

Vogliamo contribuire alla ripresa del Paese con la consapevolezza che l’Italia potrà ripartire solo ponendo al centro dell’agenda politica i temi del lavoro e dell’impresa. Non siamo per gli incentivi a pioggia, i fondi strutturali possono essere l’occasione per individuare e consolidare strumenti di supporto per lo sviluppo delle imprese, valorizzando il nostro sistema produttivo e le nostre risorse umane, anche attraverso le riforme su fisco e volte alla sburocratizzazione. Noi giovani possiamo essere dei facilitatori, fondamentale sarà quindi il confronto aperto e il più largamente partecipato da e con associazioni giovanili di categoria e del terzo settore di carattere nazionale attraverso un tavolo di consultazione permanente che sia indicatore delle varie azioni e verifichi l’attuazione delle politiche specifiche” è il richiamo che Germani e Mulè fanno a fronte delle difficoltà e delle sfide del momento, ispirati dai principi dell’etica e della morale cattolica per il perseguimento del bene comune. Tante sono le esigenze da affrontare, ma la chiavi della loro risoluzione – affermano – “sono pragmaticità ed implementazione”.

La lettera si sofferma infatti su alcune iniziative di settore quali la defiscalizzazione per l’assunzione dei giovani e delle donne, l’istituzione di un fondo produttività per la valorizzazione del merito o per la professionalizzazione degli occupati, l’istituzione/implementazione di un fondo per il credito a tasso zero per imprese o start up under 40 aumentato per i settori di cultura, turismo, ristorazione, sport e innovazione, l’istituzione/implementazione di un fondo di garanzia per l’acquisto di immobili produttivi e/o abitativi e, infine, l’assegnazione di bonus affitti o attivazione di politiche specifiche di social housing.

Economia e sociale

Prossimi Impegni

Pubblicazioni

Gallery